Ritardo del ciclo: sono incinta?

test

Se il ciclo non arriva, ritarda di qualche giorno o di più, non è detto che sia in corso una gravidanza. Spesso può capitare che si ovuli più tardi, quindi anche l’arrivo delle mestruazioni sarà posticipato. E’ importante, dunque, capire quando si è effettivamente ovulato per poter effettuare un test di gravidanza al momento giusto. La fase luteale, quella che va dall’ovulazione all’arrivo delle mestruazioni, è solitamente uguale ogni mese per ognuna di noi e va dai 12 ai 16 giorni. Se conoscete la vostra fase luteale e sapete quando c’è stata l’ovulazione, allora dovete iniziare a calcolare il ritardo dal giorno del mancato arrivo delle mestruazioni. Ovviamente si può ovulare anche con un giorno di ritardo, quindi non pensate subito alla gravidanza. Qualora il test dovesse risultare negativo ma la mestruazione tarda ad arrivare, rifate il test, perchè l’ormone della gravidanza potrebbe non essere stato ancora rilevato.

Escludendo una gravidanza, se il problema non è legato all’amenorrea (mancanza di mestruazioni per almeno tre mesi, spesso dovuto all’ovaio policistico) o di oligomenorrea (cicli poco frequenti) allora le cause potrebbero essere diverse. Vediamo quali.

Lo stress fisico e psicologico può influenzare parecchie cose della nostra vita e anche il ciclo mestruale. Lo stress può causare la non ovulazione e quindi il non arrivo delle mestruazioni alla data prevista. E’ importante dunque capire il motivo ed eliminare la fonte dello stress per riequilibrare il vostro sistema ormonale

Un’influenza o una malattia temporanea possono causare ritardo del ciclo mestruale.  Una volta guarite, quindi, il vostro ciclo dovrebbe ripresentarsi circa un paio di settimane dopo aver ovulato.

L’assunzione di farmaci è un’altra causa di ritardo e per questo è importante parlane con il medico. Attenzione ai farmaci che assumete se prendete anche la pillola anticoncezionale, perché alcuni non sono compatibili e potrebbero inibire l’effetto della stessa.

Il sovrappeso e il sottopeso potrebbero avere influenza sull’equilibrio ormonale e, quindi, comportare irregolarità o addirittura assenza del ciclo mestruale. Molte donne riacquistano la regolarità del ciclo mestruale dopo aver perso i chili in eccesso o averne presi.

Pre-menopausa: è il periodo che intercorre tra la fase riproduttiva e la fase non più fertile. Questo periodo può essere più o meno lungo durante il quale i cicli possono essere più o meno frequenti, più o meno abbondanti o, comunque, non più come prima. La fertilità non è assente ma è ridotta, pertanto è ancora necessario utilizzare dei metodi anticoncezionali.

Menopausa: quando si entra in menopausa il nostro corpo smette di ovulare e quindi di essere fertile.

 

Share