Ovulazione

imagesCAFSN743

Prima o poi tutte le donne che cercano un figlio si porranno, come ho fatto anch’io, delle domande sull’ovulazione per capire meglio come funziona il nostro corpo. Io ho letto tanti articoli perché lo trovo un argomento affascinante. L’ovulazione avviene quando l’ovulo viene espulso dall’ovaio, il 14esimo in un ciclo regolare di 28 giorni, ma varia per chi ha un ciclo più lungo  o irregolare. L’ovulo entra nella tuba ed è lì che può essere fecondato dagli spermatozoi che possono sopravvivere fino a 3-5 giorni nel collo dell’utero. L’ovulo, invece, ha una vita più breve, dalle 12 alle 24 ore. I giorni più fertili iniziano quindi prima dell’ovulazione fino a 2 giorni dopo. Secondo il metodo Ogino-Knaus i giorni fertili, invece, iniziano subito dopo le mestruazioni e finiscono qualche giorno dopo l’ovulazione. Potete anche usare i calcolatori che ci sono sul web che, in base alla durata del ciclo e al giorno dell’ultima mestruazione, stimano quale “potrebbe” essere il giorno dell’ovulazione. I segni più evidenti che vi da il vostro corpo sono  secrezioni vaginali più abbondanti e fluide, dolore al seno e all’ovaie, desiderio sessuale più forte e aumento della temperatura basale. In commercio ci sono poi dei test che, verificando la concentrazione di ormoni nell’urina, indicano quando sta per avvenire l’ovulazione. Può accadere molto raramente che un mese non ci sia l’ovulazione. Un modo per non avere l’ovulazione se non si desidera una gravidanza è l’assunzione della pillola, che comunque può fallire se si dimentica di prenderla! Se, invece, la prendete e volete avere un figlio la ripresa dell’ovulazione può avvenire dopo 14 giorni o più settimane e la fecondità tornerà normale. Ricordate poi che si può rimanere incinte anche durante l’allattamento.

Share