Pulizie di primavera: come organizzarsi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ormai ci siamo, se ci eravamo prefissati di fare le “pulizie di primavera” non possiamo più rimandare! Le cose da fare sembrano tante ma basta organizzarsi e dividersi le faccende nei giorni, magari facendo uno schema come faccio io.

Lavare le persiane. Vanno prima spolverate e poi pulite e smacchiate con acqua e sapone e una spugnetta. Se sono in legno vanno nutrite con un panno intriso di cera d’api.

Lavare le tende. Alcuni tessuti possono essere lavati in lavatrice con un ciclo e una centrifuga delicati. Altri devono essere lavati a secco e, quindi, portati in lavanderia. Fate attenzioni a togliere bene tutti i ganci. Se sono ingiallite è bene metterle in ammollo per una giornata con un detersivo delicato. Spesso, se il tessuto è pesante, le tende possono essere riappese umide e si tendono da sole, altrimenti con un po’ di pazienza bisogna stirarle prima.

Lavare i vetri. I vetri si puliscono bene con la carta dei quotidiani grazie all’inchiostro che contengono. Basta riempire una bacinella con acqua e alcool o ammoniaca, bagnare un giornale appallottolato e pulire il vetro. Si asciuga sempre con il giornale e preferibilmente quando non c’è il sole diretto che lascia aloni.

Lavare copridivani, cuscini e coprisedie.  Bisogna sempre seguire le istruzioni di lavaggio dei tessuti. Passate l’aspirapolvere nelle pieghe dei divani per togliere peli e polvere.

Pulire porte, mobili e oggetti vari. Per i le porte e i mobili è sempre importante usare prodotti specifici e panni morbidi che non graffiano le superfici. In caso di mobili in legno usare la cera d’api. Per lucidare le cornici e gli oggetti d’argento usate prodotti specifici o il bicarbonato.

Sbattere materassi. Con un aspirapolvere pulire la superficie dei materassi per eliminare gli acari, lavate il coprirete, il coprimaterasso, le fodere dei guanciali e gli stessi con un lavaggio delicato e indicato al tipo di imbottitura. È importante comunque aprire spesso le finestre per far entrare aria e sole che eliminano gli acari dai tessuti.

Pulire i caloriferi. Ora che resteranno spenti per qualche mese è bene pulirli togliendo la polvere anche all’interno con una spazzola lunga e poi si può pulire con una spugna bagnata con acqua e detersivo.

Pulire i filtri di elettrodomestici e condizionatori. Basta smontarli e pulirli con acqua calda e aceto. Sostituire quelli usurati. La manutenzione va fatta anche ai condizionatori, i filtri vanno lavati e fatti asciugare bene. Per eliminare i batteri che si accumulano nel radiatore e causano cattivi odori si deve spruzzare uno spray anti-odore igienizzante adatto per il condizionatore.

Pulire i tappeti. Per eliminare odori e sporco da tappeti e moquette cospargete il bicarbonato di sodio sulla superficie e lasciate agire per 15 minuti. Passate, poi, l’aspirapolvere. I tappeti piccoli possono essere lavati a mano o in lavatrice o a secco in lavanderia.

Pulire i pavimenti. Per pulire anche le parti in cui non arrivate sempre, alzate le sedie e tutte le cose appoggiate a terra. Spostate i mobili leggeri e i tappeti, passate l’aspirapolvere e poi lavate il pavimento con acqua calda e detersivo o acqua calda e alcool.

Pulire frigorifero e freezer. Svuotate il frigorifero, smontate le parti mobili e pulite le superfici con acqua e bicarbonato o aceto. Se utilizzate un detersivo non deve essere aggressivo e fare tanta schiuma, difficile da eliminare. Il freezer deve essere svuotato e sbrinato con l’apposita spatole di plastica e pulito come il frigo.

Cambio di stagione. Svuotate i cassetti e gli armadi e prima di effettuare il cambio togliete la polvere e lavate le superfici con acqua. Riponete gli indumenti invernali in scatole o buste chiuse per evitare che si riempiano di polvere o sulle grucce. È sempre bene eliminare il superfluo!

Share