Le buone abitudini per un cuore sano

cuore

Già qualche tempo fa pubblicai la notizia di un test capace di rilevare l’età del nostro cuore. Tutti i medici consigliano di mangiare bene, fare sport, non stressarsi, ma ci sono cose che forse non sappiamo!

Caffè.
L’idea che il caffè possa far male è del tutto errata. Diversi studi hanno dimostrato, infatti, che questa bevanda, molto apprezzata in Italia, fa salire di poco la pressione arteriosa e solo per pochi minuti, poi tutto torna normale. Il caffè contiene alcune sostanze che hanno proprietà antiossidanti e che, quindi, hanno un effetto antinfiamamtorio e aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi nel sangue. Ha, inoltre, un effetto protettivo verso ictus e infarto e rallenta l’assorbimento di grassi e zuccheri consumati ai pasti. Chi soffre di aritmie potrebbe ridurre il consumo o bere quello decaffeinato.

Cioccolato.
Che il cioccolato facesse bene già lo si sapeva. Fa bene mangiarne, però, solo due quadratini al giorno e deve essere almeno al 70% e di buona qualità. Secondo gli scienziati il cioccolato contribuirebbe a mentenere l’elasticità delle arterie, riducendo la probabilità che si formino placche responsabili di trombosi arteriose. Il merito è dei flavonoidi, sostanze antiossidanti.

Sonno.
Un buon sonno di almeno 8 ore al giorno fa bene al cuore. Questo perchè durante il sonno il cuore rallenta il proprio ritmo, la pressione arteriosa diminuisce e tutto il sistema cardiovascolare si rimodula. Questo riposo non avviene se si dorme male e poco, aumentando le probabilità di andare incontro ad infarto e ictus.

Colazione.
Pare che saltare la colazione aumenterebbe del 27 % il rischio di malattie cardiache. Quando l’organismo è a digiuno la pressione sale, come i livelli di insulina e colesterolo. Negli anni questo può contribuire a sviluppare un disordine metabolico che predispone al diabete, colesterolo alto e a malattie cardiache.

Accudire un animale.
Uno studio ha evidenziato che accudire un cane faccia bene sia alla forma fisica, per le passeggiate, sia al cuore, in quanto riduce lo stress e l’ansia.

Ginnastica.
La ginnastica dolce fa bene al cuore, specie se accompagnata dalla musica. Pare, poi, che la camminata nordica, quella con gli sci e i racchettoni, abbassi la pressione arteriosa e migliori il metabolismo, riducendo il livello di colesterolo nel sangue.

Acido urico.
Un elevato livello di acido urico nel sangue può causare infarti: i cristalli di questa sostanza favoriscono, infatti, i depositi di colesterolo. Mangiare meno carne e più frutta e verdura aiuta ad abbassarlo. E’ importante, dunque, controllare anche l’acido urico oltre che la pressione, il colesterolo, i trigliceridi e l’elettrocardiogramma.

Share