“Selfie”, la moda del momento

selfie

Viso in primo piano, gambe, piedi chi non ha mai fatto selfie? È la tendenza del momento, il termine più utilizzato nel 2013, tanto che l’Oxford Dictionary l’ha nominata parola dell’anno. Deriva da self sé ed è lo scatto fotografico con cui si ritrae sé stessi, eseguito con uno smartphone e condiviso sui social network. È la moda del momento: farsi un autoscatto, più o meno serio, in un momento più o meno particolare della giornata e postarlo su tutti i social network del globo. Il contagio è globale: personaggi del cinema, dello sport, della politica, addirittura Papa Francesco, tutti sono cascati nella mania del selfie.

La tecnica dell’autoritratto in realtà esiste da quando è nata la fotografia: pare che la prima a ricorrere all’autoscatto sia stata, già nell’800, la granduchessa russa Anastasia Nikolaevna .

La differenza con l’autoscatto è, però, sostanziale. La foto oggi si può fare in ogni istante della propria giornata grazie alle nuove  tecnologie digitali che si hanno a disposizione.  Con uno smartphone a portata di mano le foto sono immediate e possono essere cancellate, rifatte, modificate, mentre in passato di certo non si aveva la macchina fotografica e un cavalletto sempre a disposizione. Anche il destinatario è cambiato: se prima si decideva di immortalare un particolare momento della vita, legato a sensazioni, situazioni particolari e si decideva di farlo per sé stessi, oggi l’azione è dettata soprattutto dal narcisismo, dal divertimento e lo scatto diventa pubblico con i social network.

Appare, comunque, come una ricerca dello sguardo altrui, uno sguardo che si cerca online, diventa un modo per confermare sé stessi, come si è, in modo disimpegnato e senza un vero confronto. Indubbiamente quello che si vuole ottenere sono le manifestazioni di approvazione  e gradimento, soprattutto se ci si ritrae in una situazione notevole o si ha un aspetto tale da ottenere riscontri positivi.

Compaiono, poi,anche nuovi termini: il belfie, per esempio, è diventata la mania dei vip. È l’autoscatto del lato B da postare sui social media: quelli più invidiati sono di Jennifer Lopez, Lady Gaga e Rihanna. Dagli Stati Uniti arriva, invece, un’altra mania, si chiama underboob, vedo non vedo: le ragazze postano su Facebook e Twitter le loro immagini a seno quasi scoperto e con abiti striminziti.

Senza dubbio, però, le immagini più belle e suggestive arrivano del pianeta Terra. Si tratta del selfie realizzato dagli astronauti americani Rick Mastracchio e Steven Swanson. Mastracchio, durante le riparazioni di un computer in avaria, ha preso lo smartphone e ha realizzato un selfie spaziale eccezionale che ha poi postato: sullo schermo del casco dell’astronauta si vede persino riflessa la Terra in tutta la sua bellezza.

Per un selfie perfetto: tenere l’apparecchio più in alto per nascondere doppio mento e far apparire gli occhi grandi; no al frontale ma ai tre quarti per evitare l’effetto faccione e mimetizzare un naso non perfetto; evitare le luci fredde che esaltano le imperfezioni, mentre la luce calda le minimizza; niente specchi sullo sfondo; passare una mano di cipria sulle zone lucide del viso per uniformare l’incarnato. Ora via al selfie!

Share