Al sole senza paura

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo l’articolo sulla preparazione della pelle prima dell’esposizione al sole ecco qualche informazione in più sui raggi solari e su come evitare danni.
Il sole è un amico della salute ma potrebbe diventare un nemico se non si adottano le giuste precauzioni. Quando ci esponiamo al sole dobbiamo, quindi, sempre usare una protezione adeguata che ci protegga dagli UVA e UVB, che prevenga le scottature, gli eritemi, il fotoinvecchiamento e gli altri effetti dannosi di lungo termine.
La luce solare è composta da diversi tipi di radiazioni: ultravioletto (UV), visibile e infrarosso (IR).
Gli UV si dividono in: UVA che rappresentano il 95% degli UV. La loro intensità è costante tutto l’anno, regolano l’abbronzatura immediata e sono responsabili di allergie e fotonvecchiamento; UVB che rappresentano il restante 5% degli UV.  Stimolano la produzione di Vitamina D, sono responsabili dell’abbronzatura e possono provocare scottature ed eritemi; UVC, che sono i più pericolosi per la salute ma sono schermati dallo strato di ozono.
E’ importante quando ci si espone al sole seguire delle semplici regole:
1) evitare le ore più calde (12-16)
2) abituare la pelle gradualmente nei primi giorni
3) applicare una crema solare adatta al proprio fototipo, iniziando da una protezione maggiore per poi diminuire
4) applicare il solare mezz’ora prima dell’esposizione e ripetere frequentemente l’operazione. Non dimenticare zone come orecchie, collo e piedi
5) indossare occhiali e cappello
6) fare attenzione all’assunzione di medicinali che possono provocare reazioni al sole o usare prodotti fotosensibilizzanti
7) bere frequentemente per idratarsi
8) usare un doposole per dare sollievo alla pelle
9) non esporre i bambini nelle ore più calde e comunque mai troppo al lungo
10) non dimenticare il solare se si fanno passeggiate o sia va in montagna e in barca.
Il solare deve essere scelto in base al fototipo, che è l’insieme delle caratteristiche fisiche individuali (etnia, colore degli occhi e dei capelli, facilità di abbronzatura). L’appartenenza ad un fototipo significa maggiore o minore melanina, quindi maggiore o minore protezione naturale verso il sole. Chi ha, per esempio, capelli biondi-rossi, occhi chiari, carnagione bianco-latte deve scegliere una protezione molto alta. Diversamente chi ha capelli, occhi e carnagione scura può tranquillamente scegliere una protezione medio-bassa. Chi ha una carnagione normale o tendente allo scuro può, invece, optare per una protezione media-alta.
Quindi SI al sole e all’abbronzatura ma sempre con molta cautela.

Share