Influenza

termometro

Come molti bambini anche il mio piccolo si è preso l’influenza. Questo è proprio il periodo del picco e a farne le spese sono sempre i bambini. Fortunatamente l’epidemia di quest’anno non sembra sia particolarmente intensa, inoltre ci avviciniamo alla primavera e si spera che con l’inverno anche i microbi vadano via! Vediamo un po’ di cosa si tratta.

I sintomi.
Febbre molto alta che pare andare su e giù, brividi, raffreddore, tosse, mal di gola, dolori muscolari e qualche volta vomito e diarrea. Dopo un esordio con febbre elevata per uno-due giorni, la febbre cala e sembra che tutto stia passando, ma capita che si ripresenti con un colpo di coda.

Come si cura
Prima di tutto bisogna ricordare che la febbre, cioè l’aumento delle temperatura corporea superiore a 37°, non è una malattia ma un sintomo, un meccanismo di difesa che impedisce ai microbi (virus o batteri) di moltiplicarsi. Se la febbre supera i 38,5° i farmaci raccomandati in età pediatrica sono il paracetamolo e l’ibuprofene. Sono da utilizzare al bisogno, in gocce o sciroppo, attenendosi alle dosi indicate per ogni chilo di peso e agli intervalli segnalati sul foglietto illustrativo. Se il bambino vomita si può ricorrere alle supposte. Il consiglio è di far bere molto il bambino e di non coprirlo troppo. Non è necessario che stia a letto, basta che non faccia sforzi eccessivi. Di solito i bambini hanno una capacità di sopportazione delle forme influenzali molto più elevata rispetto all’adulto, per cui è normale che giochino tranquillamente anche con la febbre alta. L’infezione virale tende a guarire nel giro di 3-4 giorni, si possono aspettare 72 ore prima di chiamare il pediatra, che va contattato prima nel caso il bambino sembri troppo abbattuto o mostri particolari problemi.

L’antibiotico
Essendo una malattia causata da un virus, l’influenza stagionale non va curata con gli antibiotici. Questi vanno somministrati nel caso di complicazioni batteriche alle vie aeree che possono allungare il decorso della malattia. Bisogna sempre contattare il pediatra per la visita e l’eventuale prescrizione di questo farmaco.

Naturalmente insieme ai virus dell’influenza stagionale girano anche i virus delle sindromi parainfluenzali, responsabili del raffreddore, di forme intestinali e respiratorie.

Share