Vuole stare sempre in braccio!

CIMG4204

“Questo bambino è viziato!” “Diventerà un mammone!” O ancora: “prenderà il vizio di stare in braccio!” Quante volte vi è capitato di sentire queste frasi in tv da qualche “esperto” o da altre mamme, amiche e gente che in realtà non si fa i fatti propri? Non ne parliamo di quelle trasmissioni in cui fanno vedere bambini disperati che vengono lasciati soli in sterili camerette.
I bambini, specie se neonati, non conoscono vizi, capricci, abitudini e non parliamo di un bambino di 3/4 anni che fa i capricci solo per averla vinta, lì il discorso è diverso.
Parliamo di bambini piccoli che hanno bisogno di cure, calore, contatto. In fondo noi siamo mammiferi e i nostri figli sono come i cuccioli. Gli animali quando nascono sanno già come camminare, come nutrirsi e sopravvivere: i neonati, invece, non lo sanno fare, hanno bisogno della propria mamma per tutto.
Per questo si parla di “esogestazione“: si ritiene, cioè, che il cucciolo di uomo nasca prematuro e che, per molti mesi, debba crescere al di fuori dell’utero materno nella maniera più simile a questa.
E’ per questo che i neonati  sentono così forte il bisogno di stare al contatto con la mamma o il papà. Quindi, quando sentite il vostro bambino piangere, prendetelo in braccio, coccolatelo, abbracciatelo, rispondete alle sue richieste di attenzione, basta seguire sempre il proprio istinto di mamma.
Un bambino lasciato da solo a piangere avrà la sensazione di essere stato abbandonato e penserà che sia giusto così. Un bambino non amato non amerà. Al contrario se si sentirà coccolato e amato riuscirà a fidarsi degli altri e li amerà. Credo che un bambino che cresca in questo modo sarà equilibrato e sicuro di sè e quando deciderà di essere indipendente lo farà sapendo che mamma e papà sono sempre lì!
Io ho cresciuto, e ancora lo faccio, mio figlio in questo modo. L’ho allattato per più di due anni, l’ho coccolato, accarezzato, tenuto sempre in braccio. Ha dormito nel lettone, e spesso lo fa ancora, con le dovute precauzioni per evitare soffocamento e co. Ora lo guardo e vedo un bambino dolce, che accarezza i compagni di scuola, affettuoso, che vuole ancora i miei abbracci, le mie coccole. E io continuo a farlo, perchè sono la sua mamma, lo amo. E non è affatto un mammone, anzi è indipendente. Il suo è ancora un bisogno, ma anche un modo per sentire e dimostrare l’affetto. Spero che mi chieda di essere coccolato ancora per tanto tempo. Fatelo sempre, quando cresceranno non potrete tenerli più in braccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllo *